Camera di Commercio di Pesaro-Urbino
Tu sei qui: Home Regolazione del Mercato Diritto Annuale
Azioni sul documento

Diritto Annuale

Il diritto annuale è il tributo che ogni impresa, iscritta o annotata nel Registro delle imprese, è tenuta a versare alla Camera di Commercio di riferimento (art. 18 della Legge 580/93 e successive modificazioni).

Sono tenuti al pagamento del diritto annuale i soggetti iscritti o annotati al Registro delle Imprese al 1° gennaio di ogni anno o che si sono iscritti in corso d’anno, anche per un solo giorno. Il diritto non è frazionabile ed è dovuto in misura intera anche per periodi di iscrizione inferiori ad un anno (art. 3 D.M. 359 del 11/5/01).

Modalità di versamento del diritto annuale

Il pagamento del diritto annuale va eseguito, in unica soluzione, con il modello F24 in modalità telematica utilizzato per il versamento delle imposte sui redditi.

E’ possibile compensare immediatamente quanto dovuto, per il diritto annuale, con eventuali crediti vantati per altri versamenti (tributi e/o contributi).

Versare, ove possibile, il diritto annuale insieme ad altri tributi in un unico F24.

Istruzioni per la compilazione del modello F24

Nell’intestazione del Mod. F24, oltre ai dati anagrafici e il domicilio fiscale, deve essere riportato il codice fiscale, non la partita IVA, qualora diversa, perché la registrazione del pagamento avviene sulla base del codice fiscale che, se errato, non permette l’attribuzione del pagamento all’impresa. Per gli altri dati, è necessario compilare la sezione “IMU e altri tributi locali” con le seguenti modalità:

  • codice ente/codice comune: AN (codice Ente della CCIAA delle Marche da utilizzare per imprese iscritte nelle province di Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Ancona, Pesaro-Urbino);
  • codice tributo: 3850;
  • rateazione: non compilare;
  • anno di riferimento: 2019;
  • importi a debito versati: indicare l’importo corrispondente;
  • importi a credito compensati: non compilare.

Prestare la massima attenzione alla sigla codice ente (AN), onde evitare errori di imputazione del diritto ad altre Camere di Commercio.

Nel caso di trasferimento della sede in altra provincia, il diritto è dovuto alla Camera di Commercio dove l’impresa risulta iscritta al 1° gennaio 2019.

Le modalità di determinazione del diritto annuale per l'anno 2019 tengono conto della riduzione percentuale del 50% dell’importo del diritto camerale dell'anno 2014 (prevista dal comma 1 dell’articolo 28 del decreto legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito con modificazioni nella legge 11 agosto 2014, n. 114). Le imprese ubicate nella provincia di Pesaro-Urbino non sono soggette alla maggiorazione del 20%.

Importi sezione speciale 2019

Tipo di impresa
Importi arrotondati all'unità di €

Imprese individuali

Se è dovuto ANCHE l'importo per unità locali, è necessario, per un problema di arrotondamento, procedere al seguente conteggio: € 44,00 (importo sede senza arrotondamento)+ (n° unità locali x 8,80 importo u.l. senza arrotondamento) = totale dovuto (da arrotondare all'unità di euro) 53,00

€ 44,00
Società semplici agricole
€ 50,00
Società semplici non agricole € 100,00
Società di cui al comma 2 dell’articolo 16 del D.Lgs. n. 96/2001
(società tra avvocati)
€ 100,00
Imprese con sede principale all’estero: per ciascuna unità locale / sede secondaria € 55,00
I Soggetti iscritti al REA (associazioni, fondazioni, enti, enti religiosi ecc.) versano solo per la sede € 15,00

UNITA' LOCALI

Le imprese che esercitano attività economica anche attraverso unità locali devono versare, per ciascuna di esse, alla Camera di Commercio nel cui territorio ha sede l’unità locale, un diritto pari al 20% di quello dovuto per la sede principale. Per le u.l. dei soggetti REA la normativa attuale non prevede un versamento specifico.

Importi sezione ordinaria 2019

Per i soggetti iscritti nella sezione ordinaria del Registro delle Imprese (cooperative, consorzi, società di persone, società di capitali ecc.) l’importo del diritto annuale è determinato applicando al fatturato dell’esercizio 2018 ricavato dai quadri del Mod. IRAP la misura fissa e le aliquote per scaglioni riportate nella sottostante tabella.

Per l’individuazione dei righi IRAP consultare la Circolare Ministeriale presente sul sito.

L’importo finale dovrà essere arrotondato all’unità di euro.

IMPRESE INDIVIDUALI

Le imprese individuali iscritte o annotate nella Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese versano per la sede un diritto fisso pari a € 100,00.

ALTRE IMPRESE ISCRITTE ALLA SEZIONE ORDINARIA

Per tutte le imprese iscritte nella Sezione Ordinaria del Registro Imprese (cooperative, consorzi, società di persone, società di capitali, ecc.) tranne le imprese individuali, l’importo da versare si ottiene applicando al fatturato complessivo realizzato nel 2018 la misura fissa e le aliquote riportate nella sottostante tabella. Il diritto da versare si determina sommando gli importi dovuti per ciascun scaglione, considerando la misura fissa e le aliquote per tutti i successivi scaglioni fino a quello nel quale rientra il fatturato complessivo realizzato dall’impresa:

Da euro
A euro
Aliquote %
0 100.000
€ 200,00 (misura fissa)
oltre 100.000
250.000 0,015%
oltre 250.000
500.000
0,013%
oltre 500.000
1.000.000
0,010%
oltre 1.000.000
10.000.000
0,009%
oltre 10.000.000
35.000.000
0,005%
oltre 35.000.000
50.000.000
0,003%
oltre 50.000.000

0,001% (fino a un massimo di € 40.000)

L'importo base (con 5 decimali) risultante dal calcolo va ridotto del 50%

UNITA' LOCALI

Le imprese che esercitano attività economica anche attraverso unità locali devono versare, per ciascuna di esse, alla Camera di Commercio nel cui territorio ha sede l’unità locale, un diritto pari al 20% di quello dovuto per la sede principale fino ad un massimo di 100,00 euro per ogni unità locale.

ARROTONDAMENTO

Va eseguito un unico arrotondamento finale all'unità di euro, dopo aver eseguito tutti i conteggi intermedi (calcolo del dovuto per la sede in base alle aliquote, eventuali unità locali, riduzione del 50%) mantenendo sempre i cinque decimali.

I criteri per l’arrotondamento sono dettati dalla Circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 19230 del 03/03/2009.

TERMINE DI PAGAMENTO

Il termine per il pagamento del diritto coincide con quello per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi, vale a dire 30 giugno 2019, con possibilità di versare entro il 1° luglio 2019, cadendo il 30 giugno di domenica (salvo diversa scadenza per deroghe fiscali o normative). Nei 30 giorni successivi a tale termine ordinario è possibile pagare con la maggiorazione dello 0,40%. La maggiorazione va sommata al diritto dovuto e versata con i decimali ed è dovuta anche nel caso di compensazione con altri crediti a saldo zero.
Oltre tale termine si può effettuare il versamento applicando la sanzione e gli interessi previsti per il ravvedimento operoso.

Per ulteriori informazioni è possibile accedere al sito tematico https://dirittoannuale.camcom.it
Il sito offre la possibilità, tra l’altro, di determinare l’ammontare del diritto dovut o e di effettuare il pagamento on line per l’anno 2019.

Sanzioni

L'omesso pagamento, ovvero il pagamento parziale o tardivo costituiscono violazione punibile con sanzione amministrativa tributaria dal 10% al 100%.

Le sanzioni sono contestate con apposito verbale, tenendo conto dei criteri stabiliti dal Regolamento approvato con Delibera del Consiglio Camerale n.6 del 18/02/2019.

All'interno del verbale sono contenute le indicazioni per la presentazione di memorie difensive e/o per la proposizione del ricorso.

Ruolo esattoriale

I tributi e le sanzioni per i quali non sia intervenuto il pagamento sono riscossi a mezzo ruolo esattoriale.

Entro il termine di 60 giorni dalla notifica della cartella l'interessato può proporre ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale di Ancona.

Per le controversie di valore non superiore ad € 50.000 il ricorso produce gli effetti di un reclamo, e può contenere una proposta di mediazione.

L'interessato, in alternativa al ricorso giudiziario, può richiedere lo sgravio totale o parziale del carico di ruolo mediante istanza in autotutel. L'istanza dovrà contenere un'esposizione sintetrica dei fatti, corredata da idonea documentazione atta a comprovare i presupposti per i quali si chiede il riesame in sede di autotutela. L'istanza in autotutela non interrompe nè sospende i termini per la proposizione del ricorso di fronte alla Commissione Tributaria Provinciale di Ancona.

Come contattare l'ufficio diritto annuale

Le richieste riguardanti la situazione debitoria (pagamento del diritto e/o applicazione di sanzioni) devono pervenire esclusivamente dall'interessato, ovvero da altro soggetto munito di apposita delega.

Per le richieste di informazioni non presenti nel sito o la prospettazione di quesiti va utilizzata esclusivamente la procedura denominata <<CONTATTA GLI UFFICI CAMERALI>> accessibile dalla home page del sito internet camerale.

Per quanto riguarda le informazioni telefoniche, le stesse saranno limitate alle questioni di carattere generale. Orari in cui saranno ricevute le richieste di informazioni telefoniche:

  • Dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle ore 13.30

 

Approfondimenti

Area riservata
Standard

Powered by Plone ®

Note legali

Note legali

Privacy

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura delle Marche - Sede di Pesaro e Urbino

C.so XI Settembre, 116 - 61121 Pesaro (PU)
Tel. 0721/3571;  Fax. 0721/31015
P. IVA 02789930423
PEC: cciaa@pec.marche.camcom.it