Camera di Commercio di Pesaro-Urbino
Tu sei qui: Home Regolazione del Mercato Brevetti e marchi Brevetti europei
Azioni sul documento

Brevetti europei

EPO

European Patent Office

Il brevetto europeo è un brevetto per invenzione industriale che si ottiene a seguito di una procedura unificata di deposito, esame e rilascio.

La procedura di concessione prevede un’unica domanda, redatta in una sola lingua (inglese, francese o tedesco) e permette di ottenere un brevetto negli Stati membri dell’Organizzazione Europea dei Brevetti designati dal richiedente.

I brevetti europei conferiscono al titolare, negli Stati membri designati, una volta espletata la procedura di convalida nazionale, i medesimi diritti che deriverebbero da un brevetto nazionale ottenuto negli stessi Stati.

Maggiori informazioni possono trovarsi nel sito internet dell'EPO

 

 

Dove depositare la domanda

La domanda di brevetto europeo può essere depositata:

  • Alla Camera di Commercio di Roma - Via Capitan Bavastro 116

oppure

può essere inviata per posta:

  • All'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi - Roma - Ufficio G8 - Via Molise 19

la domanda può essere depositata anche presso:

  • l’Ufficio Europeo dei Brevetti, nelle sedi di Monaco di Baviera, L’Aia o Berlino

(solo per le domande che rivendicano la priorità di una precedente domanda italiana depositata da più di 90 giorni.)

 

Procedura di deposito

La procedura per ottenere un brevetto europeo comprende due fasi necessarie ed una terza eventuale:

  • I° fase
  1. Deposito della domanda
  2. Esame delle condizioni formali
  3. Ricerca delle anteriorità
  4. Pubblicazione della domanda


Dalla data di pubblicazione del rapporto di ricerca, il richiedente ha sei mesi di tempo per decidere se proseguire o meno la procedura.

  • II° fase
  1. Esame di merito della domanda
  2. Concessione del brevetto o rigetto della domanda.

  • III° fase

Entro nove mesi dalla data della concessione, qualsiasi terzo può depositare un’opposizione contro un brevetto europeo, se ritiene che esso non soddisfi le norme di merito. Tale opposizione è valutata da un’apposita Divisione dell’Ufficio Europeo dei brevetti; la decisione dell’Ufficio Europeo ha effetto in tutti gli Stati designati.

E’ comunque possibile presentare ricorso contro tutte le decisioni dei vari Organi dell’Ufficio Europeo dei Brevetti.


Validazione nazionale

Se il brevetto viene concesso, il richiedente può iniziare le procedure di convalida in tutti gli Stati da lui designati o solo in alcuni di essi.

Entro tre mesi dalla data della menzione della concessione nel Bollettino Europeo, il titolare dovrà depositare la traduzione del brevetto, presso gli Uffici Nazionali di ciascuno Stato, secondo le modalità da essi previste, pena l'annullamento del brevetto in quello Stato.


Validazione del brevetto europeo in Italia

Affinché i brevetti europei concessi abbiano effetto in Italia, è necessario che il titolare depositi, entro tre mesi dalla data della menzione della concessione nel Bollettino Europeo, una traduzione in lingua italiana del testo del brevetto europeo.
Le traduzioni possono essere depositate presso una qualsiasi delle Camere di Commercio situate sul territorio nazionale, utilizzando l'apposito modulo


Tasse principali in vigore dal 1^ aprile 2008


Elenco completo delle tasse

TASSA (fee) Euro Tempo Limite
tassa di deposito (filing) 180,00 un mese dalla data di deposito
tassa di ricerca (search) 1.050,00
un mese dalla data di deposito
tassa designazione (designation)  x 1  Stato

85,00


6 mesi  dalla data di pubblicazione
del rapporto di ricerca
massimo importo x 7 designazioni (tutti gli Stati) 595,00 6 mesi  dalla data di pubblicazione
del rapporto di ricerca
tassa di rivendicazioni (claim)
(x ogni rivendicazione oltre la quindicesima)
200,00
1 mese dalla data di deposito
tassa di esame (examination fee)
applicabile per domande depositate al 1 luglio
2005 e successivamente (1)
1.405,00 come tassa di designazione
tassa di mantenimento (renewal fee) 400,00 terzo anno

500,00 quarto anno

700,00 quinto anno (2)
tassa di estensione (extension fee) 102,00 come tassa di designazione (3)
tassa di concessione (grant fee) (4)
790,00 entro il periodo di invito indicato
da EPO

(1) le domande di brevetto europeo depositate prima del 1 luglio 2005 devono corrispondere una tassa di esame di € 1.565,00

(2) per le successive renewal fees consultare il sito www.european-patent-office.org

(3) la tassa di estensione si applica per gli Stati aderenti ma non contraenti: Albania, Croazia, Bosnia-Erzegovina, Ex-Repubblica Yugoslava di Macedonia, Serbia e Montenegro.

(4) se il totale delle pagine costituenti il brevetto concesso supera le 35 pagine si devono corrispondere € 12 per ogni pagina successiva.


Rappresentanza Professionale

La Convenzione del Brevetto Europeo consente ad ogni cittadino  o residente in uno stato membro di avvalersi del diritto di attuare personalmente la procedura del brevetto europeo (tranne che nei casi di procedimenti orali).

Il depositante deve essere consapevole, nello stesso tempo, che l'ottenimento di un brevetto europeo implica una notevole conoscenza delle normative della proprietà industriale in generale e di quella europea in particolare, una capacità di redazione tecnica del brevetto e delle sue rivendicazioni e l'utilizzo raccomandabile di traduttori specializzati nel campo tecnico inerente all'invenzione.

Per tutti coloro che non hanno l'esperienza richiesta, è raccomandato di avvalersi dell'opera di rappresentanti iscritti all'albo dei rappresentanti professionisti europei (Directory of European Professional Representatives).

Area riservata
Standard

Powered by Plone ®

Note legali

Note legali

Privacy

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura delle Marche - Sede di Pesaro e Urbino

C.so XI Settembre, 116 - 61121 Pesaro (PU)
Tel. 0721/3571;  Fax. 0721/31015
P. IVA 02789930423
PEC: cciaa@pec.marche.camcom.it