Camera di Commercio di Pesaro-Urbino
Tu sei qui: Home newsletter Registro Imprese 03 novembre 2017 - Newsletter Registro Imprese di Pesaro e Urbino

03 novembre 2017 - Newsletter Registro Imprese di Pesaro e Urbino


03/11/2017

Avviso prossima scadenza termini per regolarizzazione attività di meccanica-motoristica e di elettrauto.

Come noto, a seguito dell’entrata in vigore della legge 224/2012 (5 gennaio 2013), l'attività di autoriparazione si distingue in:

  1. meccatronica (derivante dall'accorpamento delle precedenti attività di meccanica/motoristica e di elettrauto);
  2. carrozzeria;
  3. gommista.

In base alla disciplina transitoria:

  1. le imprese che alla data del 05/01/2013 erano già iscritte nel Registro delle imprese per le attività di meccanica-motoristica e di elettrauto sono state abilitate d’ufficio alla nuova sezione “meccatronica”;
  2. le imprese che, alla data del 05/01/2013 erano abilitate alla sola attività di meccanica-motoristica ovvero alla sola attività di elettrauto sono state legittimate dalla norma a proseguire le rispettive attività per i cinque anni successivi alla medesima data e cioè fino al 04/01/2018.

Pertanto, entro il 4 gennaio 2018, i responsabili tecnici delle imprese di cui al precedente punto 2 per poter continuare nelle funzioni di responsabile tecnico per conto dell’impresa devono trovarsi in una delle seguenti condizioni:

  • aver conseguito un titolo di studio abilitante all’attività di meccatronica;
  • aver frequentato, con esito positivo, un corso professionale riconosciuto dalla Regione Marche (o altra regione) inerente l'abilitazione professionale non posseduta;
  • aver svolto regolarmente e in concreto, per almeno tre anni negli ultimi cinque, le attività tipiche e riconducibili al concetto di meccatronica.

Pertanto il titolare/legale rappresentante dell’impresa che deve regolarizzare la propria posizione dovrà presentare entro il termine di cui sopra, una SCIA per dichiarare l’inizio dell’attività di meccatronica, mediante pratica telematica di comunicazione unica, sottoscritta digitalmente dallo stesso e anche dal responsabile tecnico (se persona diversa), allegando i seguenti modelli:

Dalla documentazione di cui sopra - relativamente alla persona preposta alla gestione tecnica - dovrà essere dimostrata almeno una delle tre seguenti condizioni:

  • il possesso di un idoneo titolo di studio qualificante;
  • l’avvenuta frequenza con esito positivo di apposito corso professionale;
  • l’esercizio dell’attività di meccatronica per tre anni negli ultimi cinque. In tale ultima ipotesi (e cioè qualora il responsabile tecnico, già abilitato a una sola delle due sezioni meccanica motoristica o elettrauto), abbia effettivamente maturato un’esperienza professionale qualificata su componenti e sistemi complessi in entrambi i settori di attività (meccanica-motoristica ed elettrauto), tale da consentirgli l’acquisizione della competenza tecnico-professionale per il nuovo settore della “meccatronica”, alla pratica dovrà essere allegata anche dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante quanto sopra e sottoscritta dal titolare/legale rappresentante dell’impresa corredata di idonea documentazione a supporto (come ad esempio, fatture per la riparazione di impianti nei quali la componente meccanica e quella elettronica sono integrate quali, ad esempio ABS, ESP, climatizzatori, centraline elettroniche, cambi automatici e assimilabili) da cui risulti comprovato l’effettivo svolgimento dell’attività riconducibile alla meccatronica.

La pratica è assoggettata ai seguenti diritti di segreteria:

per ditte individuali:
€ 18,00 + € 9,00 (maggiorazione per iscrizione abilitante)
totale: € 27,00

per società:
€ 30,00 + € 15,00 (maggiorazione per iscrizione abilitante)
totale: € 45,00

Imposta di bollo (da applicarsi limitatamente all’impresa individuale): € 17.50.

N.B.: Si ricorda infine che la Legge 224/2012 contiene la deroga a favore delle persone preposte alla gestione tecnica che abbiano compiuto 55 anni alla data del 5 gennaio 2013, prevedendo che le stesse possano continuare a lavorare in qualità di responsabili tecnici fino all'età prevista per il conseguimento della pensione di vecchiaia, che, come noto varia in ragione delle aspettative di vita media della popolazione ed è stabilita con legge dello Stato.

In caso di mancato adeguamento della posizione entro il termine del 4 gennaio 2018 l’ufficio avvierà il procedimento amministrativo di emissione del divieto di prosecuzione dell’attività e, se del caso, procederà con l’accertamento della sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 5.164,57 a € 15.493,71 e con la confisca delle attrezzature e delle strumentazioni utilizzate per l'attività illecita.

Area riservata
Standard

Powered by Plone ®

Note legali

Note legali

Privacy

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura delle Marche - Sede di Pesaro e Urbino

C.so XI Settembre, 116 - 61121 Pesaro (PU)
Tel. 0721/3571;  Fax. 0721/31015
P. IVA 02789930423
PEC: cciaa@pec.marche.camcom.it