Camera di Commercio di Pesaro-Urbino
Tu sei qui: Home Chi siamo Novità Esiti della missione in Ucraina
Azioni sul documento

Esiti della missione in Ucraina

La delegazione camerale è rientrata venerdì 11 marzo dalla missione a Kiev in occasione della fiera internazionale del mobile Expo Furniture 2011.

La delegazione camerale è rientrata stamane in Italia, di ritorno dall’Ucraina, dopo una serie di incontri che hanno gettato le basi per nuovi scambi economici riguardanti in particolare i settori dell’arredamento e del turismo. Sono stati effettuati due ‘zoom’ specifici, cui hanno partecipato oltre cento operatori ucraini: circa 80 all’incontro per il mobile e una trentina per il turismo. Il perno di tutta questa attività, che ha coinvolto anche le istituzioni locali, è stata la fiera internazionale del mobile Expo Furniture, inaugurata a Kiev i giorni scorsi, cui partecipano 30 operatori marchigiani su un totale di circa 140 provenienti dall’Italia.

"Abbiamo riscontrato – spiega il presidente camerale Alberto Drudi – un forte interesse verso collaborazioni di carattere economico con le imprese e con gli operatori sia della nostra regione sia della nostra provincia. In questi giorni di missione istituzionale a Kiev abbiamo incontrato i vertici dell’Unioncamere ucraina e della Camera di commercio della capitale, oltre ai massimi dirigenti del Comune".

La delegazione camerale era composta dallo stesso presidente Alberto Drudi, dal responsabile per il settore Turismo, Amerigo Varotti, e dalla responsabile Promozione e Rapporti istituzionali di Aspin 2000, Gisella Bianchi. Assieme all’interesse verso le collaborazioni con il sistema economico marchigiano e pesarese, dagli incontri istituzionali è emerso inoltre un problema molto sentito sia dalle imprese italiane che lavorano in Ucraina sia dalle imprese ucraine interessate al mercato italiano: la lentezza nel rilascio dei visti.

"Ci siamo confrontati con il nostro personale diplomatico – dicono Drudi e Varotti – e abbiamo saputo che i tagli effettuati dal ministro Giulio Tremonti hanno ridotto il personale da dodici a quattro effettivi, l’operatività degli uffici ne ha risentito in maniera evidente e la richiesta di un visto comporta attese intollerabili, che si ripercuotono con effetti negativi sulle imprese, tanto del turismo quanto degli altri settori. Interverremo sull’Unioncamere italiana per segnalare questo disagio e al tempo stesso solleciteremo un’azione risolutiva sul nostro governo".

Vai alle immagini della missione

Area riservata
Standard

Powered by Plone ®

Note legali

Note legali

Privacy

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura delle Marche - Sede di Pesaro e Urbino

C.so XI Settembre, 116 - 61121 Pesaro (PU)
Tel. 0721/3571;  Fax. 0721/31015
P. IVA 02789930423
PEC: cciaa@pec.marche.camcom.it